Un mollusco fastidioso… quello contagioso!

Il mollusco contagioso (molluscum contagiosum, dal latino “molluscus”, ovvero “morbido”) è un’infezione epidermica provocata da un virus della classe dei Poxvirus (la stessa del virus del vaiolo) e caratterizzata dalla comparsa di piccoli noduli sulla cute e sulle mucose. Il virus del mollusco contagioso (MCV) si trasmette per contatto diretto o indiretto (scambio di asciugamani e attrezzature sportive) e si replica nel citoplasma delle cellule epidermiche producendo inclusioni citoplasmatiche e rigonfiamento cellulare. Tale virosi è più frequente nei pazienti affetti da dermatite atopica (in tutti i soggetti affetti da malattie dermatologiche o alterazioni della barriera cutanea il mollusco può diffondersi più facilmente) o da una qualunque forma di immunodeficienza e la sua severità è inversamente proporzionale al numero di linfociti TCD4 (di conseguenza, negli immunocompromessi le lesioni possono essere molto numerose, più persistenti e più grandi). Il mollusco contagioso è più diffuso nei paesi tropicali (soprattutto Asia e Africa) e la sua diffusione è favorita dall’umidità e dalla scarsa igiene. Ha una distribuzione bimodale, in quanto colpsice preferibilmente i bambini nella prima infanzia e poi gli adolescenti e i giovani adulti tra i 15 e i 29 anni, quando la diffusione avviene per lo più per via sessuale.

Mollusco contagioso (nostro repertorio)

Mollusco contagioso (nostro repertorio)

L’incubazione dura dai 14 ai 50 giorni, dopo i quali compaiono alcune papule emisferiche cupoliformi di colore rosa (microcantoma di diamentro di 2-5 mm) che poi danno vita a noduli (acantoma), che possono essere caratterizzati da una ombelicatura centrale (ovvero una piccola depressione centrale) e che sono duri, di colore grigiastro e con superficie liscia e traslucida. Alla spremitura del nodulo si può notare la fuoriuscita di una masserella tonda e biancastra detta “corpo del mollusco”, costituita da sostanze grasse e cellule epidermiche infette. Le lesioni possono comparire in qualsiasi parte del corpo tranne che sulla pianta dei piedi e sul palmo delle mani e di solito variano in numero dalla ventina al centinaio, manifestandosi in gruppo o disseminate sulla cute e talora sulle superfici mucose (per esempio sulla congiuntiva o nel cavo orale); talora possono confluire a formare e ogni singola lesione può ingrandirsi nel corso dei mesi fino ad assumere un diametro di 5-10 mm per poi regredire spontaneamente nel giro di alcuni mesi o anni. La malattia è asintomatica, sebbene qualche paziente manifesti prurito.

La diagnosi è clinica e può essere confortata dall’esame istologico che mostra al microscopio elettronico le tipiche inclusioni citoplasmatiche di origine virale. Sebbene si tratti di una malattia autolimitante, la terapia può essere utile per prevenire l’autoinoculazione o la trasmissione (è comunque fondamentale evitare il grattamento e il passaggio degli oggetti di uso quotidiano!). Se i noduli sono pochi si possono asportare (curettage) in anestesia locale (anche mediante creme anestetiche a base di lidocaina), oppure si possono trattare mediante crioterapia (congelamento con azoto liquido). Se i noduli sono diffusi si può tentare il trattamento locale con toccature con acidi oppure con cheratolitici a base di acido salicilico (vaselina salicilica al 5%, per esempio) o antivirali (imiquimod, 3 volte a settimana per 1-3 mesi).

Advertisements

7 Risposte to “Un mollusco fastidioso… quello contagioso!”

  1. Complimenti per la diagnosi! foto perfette!
    Grazie!

  2. atlantemedicina Says:

    Grazie a te!

  3. Articolo davvere ben fatto!! comunque volevo segnalare un canale di youtube con un paio di video interessantissimi (so un commento non è il posto giusto per questo genere di segnalazioni ma non sapevo come fare):
    http://www.youtube.com/user/borrejaker
    ci sono una marea di descrizioni anatomiche illustrate direttamente su dissezioni varie. io le ho trovate utilissime e visto che questo blog mi piace moltissimo speravo di fare qualcosa di utile. Forse non serviranno a tutti, perchè si tratta di anatomia, di nozioni di base, ma magari tra quelli che frequentano il blog ce n’è qualcuno che ancora può essere interessato. anche perchè putroppo per noi studenti è praticamente impossibile vedere qualcosa del genere. solo disegni e foto che rendono solo parzialmente l’idea…
    spero di essere stata utile
    Ah, volevo aggiungere..se qualcuno sapesse da dove sono presi questi video magari mi fa sapere..credo che si tratti di un atlante

  4. atlantemedicina Says:

    Cara Adriana, grazie per il link, che trovo interessante al punto da postare il tuo commento anche nell’articolo “Anatomia in rete” (https://atlantemedicina.wordpress.com/2008/09/28/anatomia-in-rete).
    I video che hai segnalato appartengono all’Acland Atlas of Human Anatomy, che si trova anche sull’utilissimo sito Medical Videos (http://www.medicalvideos.us, uno dei miei appuntamenti quotidiani!). Altro bellissimo atlante video, questa volta di semeiotica, è il “Bates’ Visual Guide to Physical Examination”, di cui si trovano alcuni filmati sempre su Medical Videos.us.
    Per quanto riguarda l’anatomia e le dissezioni, oltre ai link che troverai nell’articolo sopracitato, ti segnalo anche un sito ricco di video di dissezioni: http://anatomy.med.umich.edu/courseinfo/video_index.html.
    Approfitto dell’occasione per dirti che se non trovi una sezione del blog adatta per le tue segnalazioni puoi mandarmi una mail (all’indirizzo: treeny[chiocciola]libero.it)… al resto penserò io! 🙂
    Ciao, grazie mille e a presto!

  5. Grazie mille a te! i link che mi hai suggerito sono ottimi!
    un saluto e a presto

  6. nomi di farmaci please!!!!

  7. atlantemedicina Says:

    I cheratolitici da usare nel mollusco sono quelli a base di acido salicilico, quali:

    – Vaselina salicilica 5% (una qualsiasi, in qualunque farmacia)

    – Dischetti Transversal
    http://www.paginesanitarie.com/skfarmaci/monografia%20di%20TRANSVERSAL%2020CER%203,75MG%206MM.htm

    – Verel Collodio soluzione cutanea
    http://www.farmaplanet.it/farmacodetail.asp?minsan=034520027

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: