Fibroma non ossificante dell’osso

Oggi ho visto questa radiografia:

Fibroma non ossificante dell'osso (nostro repertorio)

Fibroma non ossificante dell'osso

Lì per lì mi ha preso un colpo, ma poi ho letto il referto e mi sono documentata. Si tratta di un fibroma non ossificante dell’osso (Non Ossifying Fibroma – NOF), noto anche come fibroma non osteogenico, fibroxantoma (termine preferito dagli anglosassoni) o xantogranuloma dell’osso.

Il NOF è costituito da fibroblasti, osteoclasti, cellule schiumose (xantomatose) e piccole quantità di collagene. Le cellule schiumose si rilevano soprattutto nelle lesioni più vecchie, ma in tutti i casi non si rilevano segni di malignità all’esame istologico.
La lesione si trova solitamente nella metafisi di un osso lungo, in particolare a livello degli arti inferiori (femore e tibia), in prossimità del ginocchio. Solitamente prende origine dalla porzione posteriore dell’osso e va ad interessare quella mediale.
Alla radiografia la lesione ha le caratteristiche di una lesione osteolitica (rarefazione dell’osso) intramidollare eccentrica, solitamente di dimensioni maggiori di 3cm, con aspetto multilobulare e con margini netti definiti da un orletto scerotico.

E’ una lesione asintomatica (al limite lievemente dolente) che si rileva solitamente per caso, in occasione di radiografie effettuate per altre ragioni, e in particolare in soggetti maschi di età compresa tra gli 8 e i 20 anni. Il NOF può essere causa di fratture patologiche.

La maggior parte dei NOF guarisce spontaneamente venendo sostituito dall’apposizione di tessuto osseo normale; solo raramente la lesione persiste fino all’età adulta. 
Al momento della diagnosi non bisogna allarmarsi: è necessario ripetere l’Rx a distanza di sei mesi per rilevare eventuali aumenti di dimensione della lesione. Solo in questo caso (o in presenza di sintomatologia importante o di altri aspetti di malignità) si procede con ulteriori accertamenti, quali Tomografia Computerizzata, Risonanza Magnetca e scintigrafia.

 

Advertisements

52 Risposte to “Fibroma non ossificante dell’osso”

  1. Ciao Elisa!
    Bello questo post..anche a me ,durante il tirocinio in ospedale, mi è capitato di vederne uno!
    Mi è sorto subito un dubbio però. In un paziente dove dalla radiografia risulti un quadro del genere, non è sempre consigliabile fare l’esame istologico? anche vista la giovane età?

    Comunque acora complimenti, sempre interessanti e pieni di spunti di riflessione i tuoi articoli.
    Buona giornata:-))

  2. Credo proprio che l’istologia sia necessaria…. ma aspetto una conferma dall’esperta! (Elisa!)
    😉

  3. atlantemedicina Says:

    Invece no ragazzi.. Se aspetto e sede sono tipici e i caratteri di benignità evidenti, è solo necessario ripetere la radiografia dopo 6 mesi. L’esame istologico si fa solo nel caso in cui la lesione sia aumentata di volume in questo lasso di tempo o abbia caratteri sospetti già alla prima osservazione (o provochi sintomi). In questi casi si possono eseguire TC e RMN, quindi la biopsia.
    Ciao!!
    Elisa

  4. Grazie delle delucidazioni, proprio non lo avrei mai immaginato! Grazie Elisa!

  5. atlantemedicina Says:

    Di nulla! 🙂
    Ma al paziente che hai visto tu cosa hanno fatto? Ha fatto qualche accertamento? E quanti anni aveva?
    Elisa

  6. Era un bambino, non ricordo l’età avra avuto al max 12 anni. Cosa ho fatto?
    Niente! O almeno se ha fatto qualcosa dopo non lo so perche ero a tirocinio come studente T.S.R.M…è per questo che ho deciso di studiare medicina..Lavorando come tecnico di radiologia, vedi il paziente, fai il tuo esame e se poi sei proprio fortunato ad avere il radiologo vicino e poter chiedere bene altrimenti non nè saprai più niente! Almeno di non chiedere a fine giornata al medico..ma questo nella realtà non è proponibile per ogni paziente.
    Io tutto questo non lo sopporto e purtroppo me ne sono accorto troppo tardi..
    Voglio studiare, voglio capire e sopratutto sapere almeno per la maggior parte dei pazienti come è andata! Come si dice vedere un paziente e non una patologia, altrimenti diventa alienante!
    Purtroppo non so risponderti dunque e questo mi rattrista.
    Roberto

  7. Hai scritto in un commento: “abbia caratteri sospetti già alla prima osservazione ”
    Sai dirmi quali sono?
    Bel post!

  8. atlantemedicina Says:

    Caro Roberto, io penso che in fondo l’importante è trovare la propria strada – poco importa se prima o dopo – e credo proprio che tu l’abbia trovata! Sei fortunato per questo..non succede a tutti. Questa tua passione ti renderà un ottimo medico, ne sono certa, e farà sì che la tua vita non sia mai noiosa: non c’è niente di più bello del poter fare il lavoro che si ama! Io mi sento molto fortunata per aver potuto studiare medicina ed essere diventata un medico: per me è un sogno realizzato, e poter andare in ospedale tutti i giorni è un privilegio. Sono molto felice della strada che ho scelto, e questo mi ripaga di tutti i sacrifici. Sono sicura che sarà così anche per te.
    Elisa

  9. atlantemedicina Says:

    Ciao Pino!
    Non sono esperta in diagnostica per immagini, ma per quel che ricordo dai miei studi le lesioni ossee sospette alla radiografia standard hanno aspetto infiltrante, con orletto sclerotico di contorno assente o interrotto dal tessuto neoplastico. Inoltre, il periostio e la corticale tendono a rispondere alla lesione neoplastica ispessendosi. Talvolta appaiono interrotte per l’infiltrazione della massa. In tutti questi casi è indispensabile procedere ad accertamenti (TC, RM, PET, Biopsia, ecc…)
    Chiunque possa dare ulteriori precisazioni.. lo faccia! 🙂
    Ciao!!
    Elisa

  10. Grazie! Sono davvero senza parole…

  11. non sono un medico, ho letto per caso questo articolo, sono un po’ allarmata perché in seguito a rx al pronto soccorso nel referto di mio figlio che ha 16 anni, compariva proprio l’indicazione di consulenza specialistica per la presenza al ginocchio di formazione ovoloidale da ricondurre a fibroma di formazione non ossea. Devo preoccuparmi a quale specialista rivolgermi ortopedico o chirurgo? E a quali esami dovrei sottoporlo? Grazie.

  12. atlantemedicina Says:

    Ciao Daniela, nell’articolo ci sono tutte le risposte che cerchi.
    Lo specialista da consultare è l’ortopedico che, una volta confermata la diagnosi sulla base della radiografia, ti consiglierà di farla ripetere a distanza per documentare eventuali aumenti di volume della lesione: solo in questo caso si dovrà procedere ad ulteriori accertamenti, quali TC, RMN o scintigrafia. Ad ogni modo la stragrande maggioranza dei NOF guariscono da soli o persistono immutati fino all’età adulta (l’evoluzione negativa è eventualità rarissima!).

  13. raffaele Says:

    Salve ragazzi, io sono un ragazzo di 14 anni affetto da questo problema in tutte e due le ginocchia e gli ortopedici da cui sono stato mi hanno consigliato di fare come sport solo nuoto visto che io faccio arti marziali e pratico combattimenti e me lo hanno sconsigliato. Per piacere rispondetemi al più presto.

  14. atlantemedicina Says:

    Il consiglio è molto giusto: ti hanno sconsigliato di praticare sport traumatici perché le zone con fibromi ossificanti possono essere potenzialmente a rischio di frattura.

  15. m.antonietta rodorigo Says:

    A mia figlia, dopo un intenso periodo di attività fisica e a seguito di una distorsione con lesione del legamento peroneo astragalico anteriore, nel fare Rx è stato individuata nel terzo distale della diafisi della tibia sinistra un’area di addensamento cercinata da riferire verosimilmente a fibroma osseo. Cosa significa, cosa si deve fare? potrebbe regredire dopo il periodo di riposo che le è stato prescritto per la distorsione? Grazie M.antonietta

  16. atlantemedicina Says:

    Ciao M. Antonietta. Tutte le risposte che cerchi sono nell’articolo del blog e nei commenti relativi. Ovviamente devi anche consultare il tuo medico di famiglia. Ciao!

  17. Roberta Says:

    Ciao, sto facendo una ricerca sul fibroma NON ossificante e sono capitata da te! Sono una mamma disperata, perchè sono di ritorno oggi dal Policlinico Umberto I di Roma, dove mi hanno appunto detto di questo fibroma non ossificante sul femore di mio figlio che ha 14 anni. L’ortopedico mi ha detto di non preoccuparmi e che farà una lastra a settembre prossimo e valuterà se la situazione è variata! Ma leggendo i vostri commenti mi sono preoccupata ancora di più! Se qualcuno di voi è un ortopedico specialista, per favore mi scriva. Grazie mille una mamma in pena.

  18. atlantemedicina Says:

    Mi sento assolutamente di tranquillizzarti!!! Nella stragrande maggioranza dei casi il NOF è una lesione che si riscontra casualmente e che regredisce senza lasciare alcun esito.

  19. francesca Says:

    Calve sono una ragazza di 16 anni e da fine agosto ho scoperto di avere un fibroma precisamente a livello della tibia. A fine aprile ho fatto di nuovo le lastre ed è aumentato di 5-6 mm. Ieri sono stata a visita e mi hanno detto ke il fibroma é 16mm.. loro vogliono aspettare ad operare ma io sono preoccupatissima xke ho dolori cosa devo fare??? Devo aspettare o consultarmi con un altro medico?? Spero di avere una risposta perchè non so proprio come fare..

  20. martina Says:

    Salve sono una ragazza di 15 anni e abito in Germania. Anche io ho un fibroma alla tibia e l’ho scoperto ad ottobre…. il mio è di 17 mm, oggi ho avuto la visita e mi hanno detto di aspettare e fra 6 mesi rifare il controllo. A volte mi dà disturbi!!! Non so come fare se consultare un altro medico o aspettare ancora come dicono loro??? Spero di avere una risp al più presto!!! Grazie mille

  21. atlantemedicina Says:

    Se la diagnosi è giusta l’atteggiamento dei tuoi medici è stato perfetto.
    Se però non ti senti sicura e hai bisogno di una conferma diagnostica puoi far vedere la tua radiografia a un altro radiologo… quattro occhi sono meglio di due! 😉 Baci

  22. Salve, ho 25 anni anche a me hanno trovato casualmente questo “Fibroma” sulla testa dell’omero, di 19mm; a 16 anni mi ero fratturato proprio quella spalla. L’ortopedico non gli ha dato importanza anche dopo la TAC.. siccome è una vecchia frattura, non dovrebbe essere già scomparso con la crescita? Mi conviene aspettare i 6 mesi per rifare le lastre?

  23. Il fibroma non è causato da una frattura, semmai è vero il contrario, ovvero il fibroma può predisporre a frattura della sede interessata. Se la lesione è tipica e la diagnosi è ragionevolmente certa, vale la pena ripetere l’rx ogni 6 mesi per monitorare l’andamento della lesione, che solo di rado persiste fino all’età adulta.

  24. Buongiorno, sono una mamma alquanto preoccupata. Da radiografie ad entrambe le ginocchia hanno riscontrato a mio figlio aree di rarefazione osteolitica a entrambe le ginocchia, in particolare alla metafisi tibiale ds e sn e alla diafisi femorale ds. Cosa significa tutto questo?

  25. Cara Elena, difficile dirlo, i reperti che riferisci sono un po’ troppo aspecifici e senza vedere le immagini è impossibile dirti qualcosa.. le aree di rarefazione osteolitica possono essere dovute a moltissime cause, dal “semplice” rachitismo ad altre patologie ossee. Ti consiglio di consultare un ortopedico ed un endocrinologo pediatra per approfondire la cosa.

  26. Salve a tutti, io ho appena letto i referti di mia figlia che ha 6 anni e dicono.. “sul versante mediale del femore sx in sede iuxta-metafisiaria distale è visibile circoscritta area di rarefazione ossea ovalare di circa 1 cm delimitata da sottile orletto sclerotico (verosimile fibroma)”. Sapete dirmi qualcosa di piu….anche se sono già corsa ai ripari e lunedì ho in programma una visita al Rizzoli. Grazie

  27. Cara Melissa, il radiologo che ha refertato l’rx di tua figlia non si è sbilanciato al 100% sulla diagnosi, di conseguenza penso che sia opportuno eseguire la visita ortopedica che avete già organizzato, in modo da verificare se può o meno valere la pena di procedere con ulteriori accertamenti.

  28. Larissa Says:

    Cara Elisa,
    ho appena ricevuto il referto alla tac di mio figlio Riccardo di 6 anni, ti allego la risposta qui di seguito. Pensi che il Prof. Donzelli del Rizzoli di Bologna potrà aiutarmi? me ne hanno parlato bene!

    Esame confrontato con precedente RM del 23.3.2011. Nel contesto della corticale ossea anteriore in sede diafiso-metafisaria prossimale tibiale estesa ed omogenea area di rarefazione ossea a profili netti con assente rappresentazione della limitante ossea anteriore e profilo corticale posteriore finemente dentellato ma integro. Tale lesione presenta maggior asse cranio caudale parallelo al fusto diafisario, estendendosi per 4,5 cm, si sviluppa attorno all’inserzione distale del tendine rotuleo e cranialmente risulta in connessione con il piatto fisario prossimale raggiungendo diametro traverso massimo di 2,9 cm.
    non segni TC di reazione periosteale nè raccolte fluide. La lesione descritta non rappresenta caratteristiche tipiche, non presenta comunque caratteristiche TC di aggressività (frbroma non ossificante?) e necessita di valutazione specialistica ortopedica.
    Grazie a presto Larissa

  29. Il Rizzoli è un ospedale di altissimo livello: vi sapranno sicuramente dire se si tratta davvero di fibroma non ossificante o se sono necessari ulteriori accertamenti e/o controlli.

  30. stefano Says:

    Ho visitato questo sito perchè mi sto interessando maggiormente della patologia che mi ha colpito. Volevo rassicurare tutti, è una cosa assolutamente benigna e nella maggior parte dei casi non richiede intervento. Per me non è stato così, io sono stato operato al cto dal proflessor capanna. Per la mia esperienze conisglio il cto e chiunque ne dovesse avere bisogno. E complimenti per questo sito che dà risposte alle persone sulle proprie patologie.

  31. Caro Stefano, grazie per aver postato un tuo pensiero su questo blog! E grazie per i complimenti, anche se in realtà Atlante Medicina non è un sito di consulenze mediche (nasce infatti come veicolo di informazione…è un quaderno di appunti online!). A presto!!!

  32. stefano Says:

    no sono felice che esistano queste cose,almeno la gente risce a capire,il fibroma come è già stato detto è una delle cose più benigne che si possano avere,ma giustamente la preoccupazione c’è,ed apprezzo queste cose perchè so cosa vol dire cercare di capire che patologia hai.a me prima di diagnostgicare il fibroma hanno dovuto fare la biopsia estem poranea e subito mi hanno operato

  33. (post modificato dall’Admin) Salve, leggere queste info è di grande aiuto… Faccio sapere che ho scoperto su mia figlia di 15 anni un fibroma facendo una RMN e una RX perchè aveva dolori alle ginocchia. Il prof. che ci segue ha ritenuto necessario eseguire una biopsia che ha confermato la diagnosi di fibroma ossificante. Io mi sto preoccupando leggendo… mi sapete dire se è bene fare altri accertamenti quali la scintigrafia e se è necessario fare l’intevento e dove? Tor Vergata è un buon centro? Noi ci siamo trovati bene ma ho molta paura di non aver sentito altre campane.. Vorrei andare a Rizzoli ma non conosco nessuno. Fatemi sapere….grazie

  34. Enza Di Benedetto Says:

    Sono la mamma di una bambina di 12 anni preoccupatissima perchè ieri a causa di un’incidente stradale abbiamo scoperto che la piccola ha una “rarefazione ossea a contorni policiclici di dimensioni 10×4 mm circa nel III distale del femore in regione sovracondiloidea mediale, reperto imputabile a fibroma”…Qualcuno di voi mi può aiutare a capire perchè i medici del P.S. mi hanno consegnato il referto dicendo di andare dal medico curante senza dire altro? Grazie x l’aiuto

  35. @Valentina: se la diagnosi è certa e se non ci sono sospetti di malignità, è necessario solamente monitorare l’evoluzione della lesione mediante la Rx, senza fare altri accertamenti. Se la lesione dovesse aumentare di dimensioni, o se la sintomatologia fosse importante, si deve procedere con una nuova valutazione del quadro, ricorrendo a Tomografia Computerizzata, Risonanza Magnetca e scintigrafia.
    @Enza: dal referto che hai riportato non emerge la dizione “ossificante”. Per scrupolo ti consiglio di mostrare la radiografia ad un ortopedico. Se verrà confermata la diagnosi di fibroma non ossificante, come avrai visto nell’articolo relativo all’interno di questo blog, si tratta solitamente di una condizione del tutto benigna e a risoluzione spontanea.

  36. Enza Di Benedetto Says:

    Grazie di tutto cuore per avermi risposto in modo esaudiente e rapido è bello sapere che esista questo servizio per tutti coloro che ne hanno bisogno. Enza

  37. Salve, ho 24 anni, sei anni fa sono stato operato alla tibia per un fibroma osseo non ossificante, a distanza di questo tempo, attraverso esami di routine, abbiamo scoperto la ricomparsa dello stesso, nello stesso punto, di grandezza leggermente più grande 4.5 cm x 2.1 cm), vorrei sapere perché si è riformato e come è meglio procedere. Grazie Ilario

  38. Caro Ilario, AM non è un sito di consulenze mediche, ma sono certa che l’ortopedico che ti ha seguito saprà darti tutte le informazioni che cerchi. Ad ogni modo, il fatto che il fibroma sia tornato nello stesso punto, dopo l’asportazione, è sicuramente curioso.. la prima cosa che mi viene in mente è che dopo l’intervento sia rimasto un residuo di quello precedente, che possa quindi aver dato vita alla recidiva, ma è solo un’ipotesi buttata lì sulla base delle poche info che hai scritto. Per quanto riguarda l’asportazione, l’istologia del pezzo operatorio aveva confermato il NOF? A presto.

  39. Ho eseguito una RMN al ginocchio dx prescritta dall’ortopedico per verificare lo stato infiammatorio della capsula articolare. L’esame ha riscontrato anche la presenza di un fibroma non ossificante del margine posteriore del tratto metafisario del femore di circa 6×2 cm. Non sapevo d’averlo e leggo dagli interventi precedenti che questi fibromi, di solito, laddove presenti in gioventù, regrediscono con l’età. Io ho 55 anni, devo preoccuparmi?

  40. Beh la Medicina non è una scienza esatta, e non c’è scritto da nessuna parte che si debba trattare di una condizione appannaggio di una sola fascia d’età. Comunque, indipendentemente da questo, come già detto più volte, se la diagnosi è certa e se non ci sono sospetti di malignità si può stare relativamente tranquilli, eseguendo solamente un monitoraggio della lesione.

  41. Salve, mi chiamo Roberto, ho 33 anni e a seguito di una rx all’anca destra, causa caduta di moto ma senza alcuna frattura ma solo contusione, è emerso che è presenta nella zona, vicino la testa del femore, un fibroma non ossificante di circa 15 mm. Ora leggendo che questa cosa viene riscontrata più frequentemente in ragazzi più giovani e che sembrerebbe scomparire col crescere, mi chiedo se debba preoccuparmi visto che sono ormai in età adulta, ed eventualmente cosa dovrei fare? Sono rari i casi di presenza di questo fibroma in età come la mia? Grazie anticipatamente, Roberto.

  42. Alessandro B Says:

    Salve a tutti! All’età di 18 anni, per puro caso, da una radiografia mi riscontrarono un FNO nel femore (vicino al ginocchio dx). Ad oggi, all’età di quasi 33 anni, il fibroma mi ha sempre dato un po’ fastidio e solo negli ultimi anni sto avendo problemi ai legamenti-muscoli. Potete dirmi se il mio caso rientra nella normalità? Grazie. A.B.

  43. Salve, ho eseguito una RMN al ginocchio sinistro in seguito a un incidente per una sospetta lesione al legamento. Dal referto di legge che i legamenti sono regolari. C’è scritto inoltre: “a livello del versante postero-mediale dell’estremità distale della diafisi femorale irregolare area sfumata di lieve edema-iperemia midollare subcorticale di forma grossolanamente ovalare e di non chiaro significato, compatibile anche con fibroma ossificante”. Mi consigliano poi di eseguire una TC. Io non ho ben capito che differenza c’è tra fibroma ossificante e non ossificante… Grazie, Sara

  44. Mio figlio invece ha fibromi in tutte due le tibie 7,5 cm a destra e di meno sulla sinistra. Qualcuno mi puo dare un consiglio?

  45. @Roberto: la Medicina non è matematica, quindi quando si dice “più frequentemente” significa che non è impossibile diagnosticare un NOF anche in età adulta. Infatti, nell’articolo abbiamo scritto che, raramente, la lesione persiste fino all’età adulta. Consulta il tuo medico e il tuo ortopedico per ulteriori informazioni: probabilmente dovrai ripetere la radiografia a distanza.

  46. @Roberto (commento del 9/10): Penso che per rispondere a questa domanda dovresti ripetere una radiografia della lesione e fare anche una consulenza ortopedica per valutare se sono necessari ulteriori accertamenti.

  47. @Sara: il fatto che il NOF sia non ossificante sta a significare che al suo interno non si genera osso, di conseguenza questa lesione rende l’osso più fragile e a rischio di frattura. Ad ogni modo, aspetterei il risultato della TC prima di concentrarmi su una o un’altra “diagnosi”.

  48. elena beretta Says:

    Ho scoperto questo difetto a mio figlio all’età di 2 anni x caso gli mettevo della crema sulle gambe e sentivo che tra tibia e caviglia c’era una sorta di rigonfiamento, ho pensato ad una botta poi l’anno dopo non mi convinceva e ho approfondito…inizialmente ne hanno trovato uno proprio in quella zona poi a Milano in un’altra radiografia scoperto il secondo sotto il ginocchio e infine il terzo al femore…la diagnosi è appunto fibroma non ossificante…quello che però mi chiedo è può averne altri? I medici c’hanno rassicurato con visita tra 2 anni, niente sport traumatici, anche se in un bambino di 4 anni con infinite energie si fa il possibile, lui ama giocare a pallone saltare ecc…detto ciò ringrazio il cielo perchè la paura è stata tanta! Detto ciò è giusto che non vengano fatti altri approfondimenti? grazie

  49. @elena. Come già detto, se la diagnosi è certa e se non ci sono sospetti di malignità si può stare relativamente tranquilli, eseguendo solamente un monitoraggio della lesione,come consigliato dai vostri medici. Quanto all’eventuale presenza di altri NOF, certo non si può escludere tale evenienza. Consulta il vostro ortopedico o il vostro pediatra per ulteriori info.

  50. Ho fatto una tc al ginocchio sinistro per forti dolori da circa 2 mesi (che attualmente soffro) e l’esito che mi ha dato è il seguente: alterazione del menisco mediale per banda ipodensa interessante pars intermedia e corno posteriore da lesione, segni di condropatia femoro-tibiale interna tipo 2-3 e femoro-rotulea esterna tipo 3-4. Sto iniziando a preoccuparmi da quando una dott.ssa (in una farmacia) del mio paese mi ha detto di approfondirmi subito perché la parola lesione appartiene alla famiglia dei tumori! Se gentilmente qualcuno esperto/a mi dice se è veramente cosi? Gazie di cuore.

  51. Bracciodiferro Says:

    Salve. ho 36 anni e la sett.scorsa ho fatto una risonanza alla spalla per dolori muscolo-tendinei. Oltre alla tendinite, edemi ecc.. mi hanno riscontrato un fibroxantoma di 2 cm nell’omero. Bella scoperta vero? Mi è andata bene finora che non mi sono spaccato il braccio direi… per fortuna negli ultimi tempi ho fatto solo footing e nuoto… Ecco il mio caso è in età adulta…

  52. @lina: sinceramente il referto non è chiaro, anche perché questa lesione non viene descritta né caratterizzata. In medicina “lesione” non significa sempre tumore, ad ogni modo consulta un ortopedico per chiarire l’enigma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: